Logo ClupViaggi S.r.l.

Dossier di viaggio

Documenti
Per soggiorni fino ad un massimo di 90 giorni non è richiesto alcun visto ma il possesso di un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’ingresso nel paese.

Fuso orario
-4 ore di differenza che diventano -5 quando in Italia vige l’ora legale.

Clima
Le stagioni sono invertite rispetto all’Italia, tuttavia la notevole estensione del paese - che occupa una fascia che in latitudine si estende da 22° a 55° gradi sud - genera una grande varietà di condizioni climatiche. Semplificando si riscontra un clima tropicale o subtropicale nella parte settentrionale al confine con il Brasile; un clima temperato (caldo umido nei mesi estivi e temperature più miti nel resto dell’anno) nella zona centrale ed un clima oceanico (più secco a nord nel Chubut, più umido nella Terra del Fuoco) in Patagonia, sferzata incessantemente dai venti. Le regioni andine sono caratterizzate da inverni rigidi ed escursioni termiche piuttosto marcate; anche qui il clima è arido e secco a nord con precipitazioni sempre più consistenti man mano che ci si sposta verso mezzogiorno.

Vaccinazioni e salute
Non è richiesta alcuna vaccinazione se non ai viaggiatori provenienti da paesi dove la febbre gialla è endemica. In alta quota è possibile incorrere nel soroche o mal di montagna.

Come arrivare in Argentina
Sono disponibili alcuni collegamenti diretti per Buenos Aires dall’Italia in partenza da Roma, in alternativa possibili voli con scalo in aeroporto europeo o sudamericano. In alta stagione, in particolare tra metà Dicembre e metà Gennaio la richiesta è elevatissima ed occorre prenotare con notevole anticipo.

Viaggiare in Argentina

Voli interni. 3 milioni di kmq distribuiti su 3700 di lunghezza per 1.400 di larghezza massima: l’Argentina è un paese dove le distanze sono rilevanti e rendono quasi indispensabile i collegamenti aerei interni che sono buoni. In ogni aeroporto sono dovute delle tasse d'imbarco che ammontano a 30 USD per i voli internazionali e 4 USD per quelli nazionali (importi soggetti a variazioni senza preavviso).

Bus di linea Sono relativamente veloci e confortevoli ma comportano lunghe ore di percorrenza su strade generalmente in buone condizioni.

Treno La nazione Argentina al volgere del 20° secolo aveva riposto grandi speranze nella costruzione di una rete ferroviaria che avrebbe dovuto portare sviluppo e prosperità in ogni angolo del paese. In realtà queste promesse non furono mantenute ed il notevole impegno di capitali non portò risultati decisivi. Solo una piccola parte della rete, dopo una controversa privatizzazione, è ancora operativa e nelle regione più remote quasi esclusivamente per un servizio di carattere turistico.

- Tren Patagonico collega, due volte la settimana, Viedma con Bariloche (15 ore circa)

- La Trochita ferrovia a scartamento ridotto che impiega ancora storiche locomotive a vapore ed opera sulla tratta Esquel - El Maiten nel Chubut Settentrionale

- Tren de Las Nubes è una delle linee più alte al mondo e copre i 219 chilometri tra Salta ed il viadotto La Polvorilla, oltre San Antonio de Los Cobres nel cuore della Puna, dove talvota per l'arditezza del percorso, i binari sembrano come sospesi tra le nuvole. Il servizio, sospeso negli ultimi anni, è ripreso di recente.

Auto. Sono presenti tutte le maggiori compagnie di autonoleggio e le strade di collegamento tra i maggiori centri turistici sono in buone condizioni. I costi per i veicoli a noleggio sono abbastanza elevati e le franchigie su furto ed incidenti consistenti. Le grandi distanze e la conformazione del territorio rendono difficili itinerari circolari ed i costi di drop off (presa e riconsegna del veicolo a noleggio in località diverse) onerosi.

Telefono
La rete cellulare, seppur in costante estensione, non copre le aree più remote del paese: in ogni caso hanno ricezione solo gli apparecchi tri band. I telefoni pubblici sono diffusissimi ed è consigliato l’acquisto delle tessere telefoniche prepagate (tarjetas).

Elettricità
Tensione a 220 volt, consigliato un adattatore universale.

Moneta
La valuta è il peso (1€ = 5 ARS, valore indicativo data l’instabilità della moneta argentina). Non è strettamente necessario portare con sé dollari americani in quanto gli euro sono accettati in tutte le principali banche ed uffici di cambio. La carte di credito sono ampiamente diffuse e possono essere utilizzate per il prelievo di contante, così come i bancomat, se abilitati all'uso internazionale.

Fauna
La geografia del paese determina la presenza una grande varietà di habitat ed ecosistemi che supportano una fauna che include caimani ai tipici animali andini, passando per balene, pinguini ed uccelli marini.

Gastronomia
L’Argentina è il paradiso del carnivoro che qui troverà eccellente carne di manzo trasformata in succulenti asados (meglio se accompagnati da interiora e salsicce) che si sposano mirabilmente con gli eccellenti vini rossi dei distretti di Mendoza e di Salta. Non mancano le influenze italiane con le onnipresenti cotolette (anche qui chiamate milanesas) e lasagne. Ottimi i pesci d’acqua dolce (naturalmente alla griglia!) e, sulla costa, i crostacei. La bevanda nazionale è la tisana di yerba buena la cui degustazione è un vero e proprio rito.

Le icone culturali dell’Argentina

Il Tango. “Il tango è un pensiero triste che si balla”
Nato nei bordelli e nei suburbi più miserabili della città, il tango rappresenta l’anima più profonda e sincera di Buenos Aires, permeata di amori tragici, violenti ed appassionati. Le sue icone sono la la sensuale figura di Rodolfo Valentino che nei “Quattro dell’Apocalisse” (1921) in abiti da gaucho cristallizza per i posteri l’immagine del tanguero, e soprattutto Carlos Gardel ed Astor Piazzolla.

Carlos Gardel Le origini incerte, la gioventù turbolenta nei bassifondi di Buenos Aires, la carriera frenetica a cavallo tra gli anni 20 e 30 (con oltre 900 dischi incisi) e la tragica morte sono la cornice in cui nasce il mito di Carlos Gardel, la voce del Tango, autore e cantante de “La noche triste”, l’archetipo del tango cancion. Il suo mausoleo al cimitero della Chacarita è una sorta di santuario visitato ancora oggi da legioni di ammiratori.

Astor Piazzolla Soprannominato affettuosamente El Gran Astor o El Gato, Piazzola è stato uno dei più grandi musicisti e compositori argentini del 20° secolo. Eccellente virtuoso di bandoneon, l’opera di Piazzolla ha influenzato profondamente il tango argentino attraverso l’incorporazione di elementi tratti dalla musica jazz e contemporanea e l’introduzione di strumenti estranei al canone tanguero come fiati, batteria e chitarra elettrica. Un approccio, quello del Tango Nuevo fortemente criticato, specialmente in patria, dai tradizionalisti ma che ha rinnovato il tango, creando le premesse per formazioni all’avanguardia come i Gotan Project, i Tanghetto o i Bajofondo Tango Club.

Evita Peron Seconda moglie di Juan Peron, controversa ed amatissima “Santa Patrona” e paladina dei descamisados e delle classi più umili, una rapidissima ascesa dalle stalle alle stelle, una cometa che ha attraversato la politica argentina lasciandovi un segno ed un ricordo indelebili. Una visita alla sua tomba alla Recoleta è una delle chicche di una visita a Buenos Aires. Don’t cry for me Argentina…

Jorge Luis Borges L’anima dell’Argentina, autore di racconti a soggetto fantastico intrisi di filosofia, magia, metafisica e carica visionaria.

Diego Armando Maradona
Condivide con Alfredo di Stefano il titolo di più grande calciatore argentino, il Pibe de Oro, alias “Il piede sinistro di Dio” o la più famigerata Manos de Dios, è senza alcun dubbio, dai barrios di Buenos Aires a quelli di Napoli, il più amato ed adorato dei futbolisti biancocelesti.

LifeGate Trees
Non perderti i prossimi viaggi!
Segui le nostre proposte iscrivendoti alla newsletter


Guarda gli ultimi invii


  E-mail:*
  
  Nome:*
  
  Cognome:*
  
  Regione:*
  
Trattamento dei dati personali
    Confermado l’iscrizione da il consenso esplicito per ricevere comunicazioni di marketing da ClupViaggi S.r.l.. Questa autorizzazione è valida per l’invio via e-mail, newsletter, di comunicazioni commerciali e/o materiale pubblicitario su prodotti o servizi offerti dal Titolare e rilevazione del grado di soddisfazione sulla qualità dei servizi. È possibile annullare l’iscrizione in qualsiasi momento utilizzando il link incluso in ogni e-mail o tramite il sito www.clupviaggi.it cliccando sul link RIMUOVETE IL MIO INDIRIZZO.
    ClupViaggi in qualitá di titolare del trattamento, La informa ai sensi dell’art. 13 D.Lgs. 30.6.2003 n. 196 e dell’art. 13 Regolamento UE n. 2016/679 che i Suoi dati saranno trattati con le modalità previste (art. 23 e 130 Codice Privacy e art. 7 GDPR). Per maggiori dettagli leggere l’informativa sulla privacy
Ho preso visione ed acconsento al trattamento dei miei dati personali


  E-mail da rimuovere:*