News
Irlanda, Limerick
Alla scoperta del Milk Market

Lo storico mercato locale è in funzione dal 1852. Si possono assaggiare le uova celtiche avvolte con carne e pangrattato e fritte in olio abbondante, deliziosi panini di farro, pesce del West Cork, frutta e verdure della contea di Kerry e una selezione di salsicce biologiche, olive, marmellate, pasticcin.....

  continua

...i e cioccolatini locali. ma soprattutto si possono cogliere sapori, colori, profumi, musica e chiacchiere, nell’ antico edificio in pietra che era una volta un mercato del mais. Con la sua nuova coperura a vela, è un centro di attività che attrae commercianti da tutta la regione. I tre mercati principali si svolgono durante il fine settimana e i mercati più piccoli durante la settimana. Al Mercato del venerdì si trovano i migliori alimenti locali, moda e artigianato. Il sabato, il mercato dei prodotti alimentari più famoso della regione offre alimenti freschi di qualità, coltivati localmente, e dolci, marmellate, salse, cioccolatini. La domenica il mercato offre una vasta gamma di oggetti di artigianato, vestiti, gioielli, antiquariato, bric-à-brac e curiosità, mentre truccatori, maghi, giocolieri, mimi e artisti di strada rendono l’ambiente ancora più divertente.

Info: Milk market

In Irlanda con ClupViaggi

Country Foods
La cucina indiana su You Tube e con ClupViaggi

Oltre 120 video per avvicinarsi alla cucina indiana: è un canale You Tube interamente dedicato alla cucina indiana, tradizionale e rivisitata, seguito da oltre 270.000 persone. La star del canale è sicuramente Masthanamma, che ha festeggiato con un video i suoi 106 anni. E’ la più anz.....

  continua

...iana youtuber del mondo.
Tra le ricette più popolari, il pollo con pomodori , cipolle e spezie, cotto sul fuoco in una anguria svuotata dalla polpa, un video visto da oltre 6.800.000 persone.  Ma cii sono anche ricette per il pesce, per le uova, per il riso.

Durante il vostro viaggio in India, a Chettinad e Pondicherry potete frequentare lezioni di cucina, brevi o più articolate, dall’acquisto della materia prima nei mercati locali sino alla preparazione di un pasto completo, e  imparare la cucina del Tamil Nadu, famosa per l’uso sapiente delle spezie nella preparazione di piatti tradizionali, vegetariani, ma non solo.

E ancora, nel Rajasthan a Udaipur e a Jaipur, nel Karnataka a Hampi, a Delhi, nel Kerala a Teekoy e Cochin, potete prenotare lezioni di cucina per scoprire come le risorse naturali, le verdure, le spezie, i frutti, diventano la base di sontuose ricette tradizionali. Con cuochi professionisti, o nelle cucine di famiglia di case ospitali.

Potete prenotare la vostra lezione di cucina in Agenzia

In India con ClupViaggi

Inti Raimi, a Cusco in Perù
Festa del Dio del Sole, 24 giugno

E’ la festa religiosa più importante del Perù, dedicata a Inti, il Dio del Sole.
Si celebra il 24 giugno, al solstizio d'inverno, nella fortezza di Sacsayhuamán, accompagnata da una settimana di festeggiamenti.

Cu.....

  continua

...sco ospita balli, canti, processioni e rituali, che richiamano ogni anno migliaia di visitatori. La rappresentazione inizia di fronte al Coricancha, dove l'"Inca" invoca il Sole.
Intanto gli spettatori aspettano nella spianata del Sacsayhuamán, verso la quale il corteo si sposta immediatamente. Il corteo entra in scena con gruppi di persone, che rappresentano gli abitanti delle quattro nazioni, che si alternano nel portare l'"Inca" sulla sua lettiga.
Si procede al "sacrificio simbolico" di un alpaca e l'"Inca" invoca suo padre il Sole. L'Inca poi proclama il suo messaggio finale, invocando i suoi sudditi affinchè sotto la protezione del Sole, continuino a praticare i valori ed i riti della tradizione religiosa. E inizia la festa, con musiche, balli, banchetti.

Inti Raimi non soltanto è il momento centrale del mese di giugno nella città, ma la fama di questa antica festa ha oltrepassato i confini della regione ed è diventata un esempio per molte celebrazioni dell'identità nazionale.

In Perù con ClupViaggi

 

Sudafrica sulla Route 62
Da Cape Town a Port Elizabeth, 850 chilometri di avventura

Prima tappa è il West Coast National Park, con la laguna di Langeeban: paradiso per il birdwatching, a marzo e a ottobre, quando si osserva il passaggio degli uccelli migratori. Da giugno a novembre è invece possibile avvistare il passaggio di balene, sulla costa......

  continua

...
Dopo 45 km si arriva a Paternoster, il più antico porticciolo della West Coast, famoso per l’aragosta e le architetture originali.
Si continua poi fino a Wellington, per arrivare a Stellenbosch. Nei pressi c’è la tenuta Babylonstoren, la più antica fattoria con architettura coloniale boera.
Si prosegue poi fino a Worcester, un’area l’area fertile e verde. Per contrasto, si  può visitare il Karoo Desert National Botanical Garden dedicato alle piante grasse e alle succulente.  
E poi vigneti per chilometri, e frutteti, fino a Montagu, paese con le tipiche architetture  boeme.
Alla Sanbona Wildlife Reserve  è possibile vedere il leone bianco originario del Timbavati, e giraffe, zebre, ippopotami, antilopi e gazzelle, e ancora leopardi, bufali, rinoceronti bianchi, elefanti africani, iene, sciacalli e ghepardi.
A Swellendam si può vedere la vegetazione semidesertica del Little Karoo, mentre Barrydale offre la vista della catena Langeberg. Oudtshoorn è famosa per gli allevamenti di struzzi e per le grotte. Si arriva poi a si alla storica cittadina di Graaf-Reinet, con una atmosfera coloniale autentica, nell’architettura e nei negozi. Si apre un percorso nella Desolation Valley, con le rocce verticali e le colonne di basalto, per poi salire al Sneeuberg Mountain Range, la seconda catena più alta del paese. Il Karoo, area arida di 400.000 chilometri quadrati, è il più grande ecosistema del Sudafrica. Per finire, il Gorah Elefant Camp, nel Greater Addo Elephant National Park, uno dei grandi parchi, con 360.000 ettari di cui 120.000 di riserva marina. Qui si possono vedere i Big Five.
In Sudafrica con ClupViaggi

 

Camille Claudel
A Nogent-sur-Seine, vicino a Parigi, il primo museo dedicato a Camille Claudel, scultrice

Camille Claudel nasce nel 1864 a Villeneuve -sur- Fère. Poi la famiglia si trasferisce a Nogent -sur- Seine dove Camille studia scultura con Alfred Boucher.  Per dare a lei e a suo fratello Paul una formazione adeguata, nel 1881 il padre trasferisce la famiglia Parigi. Nel 1882 Camille conosce Rodin.....

  continua

..., che le chiede di diventare sua aiutante.
Rodin si innamora perdutamente di Camille e inizia una relazione amorosa e artistica che Camille interrompe dolorosamente nel 1993. Nel 1905 la prima mostra delle sue opere, disertata dal pubblico. Inizia per Camille Claudel un periodo molto difficile, di solitudine, di conflitto aperto con Rodin e con il mondo dell’arte, segnato da forti crisi. Alla morte del padre, nel 1913, la madre ottiene che Camille sia ricoverata nel manicomio di Montdevergues, da cui non uscirà mai più.  

 

Il gallerista Eugene Blot, curatore della mostra del 1905, nel 1932 le scrive a Montdevergues:

…nel mondo corrotto della scultura, Rodin, lei, forse pochi altri, avete imposto l'autenticità, e questo non si dimentica. Conservo un ricordo ancora colmo di meraviglia del suo marmo dell'Implorante (fuso da me in bronzo per il Salon del 1904) da taluni considerato il manifesto della scultura moderna. Lei era finalmente “se stessa”, totalmente libera dall'influenza di Rodin, grande sia per l'ispirazione che per il mestiere. La bozza della prima tiratura arricchita della sua firma è uno dei pezzi principali della mia galleria. Non posso mai guardarla senza un'emozione indicibile. Mi sembra di rivederla, Camille. Quelle labbra socchiuse, quelle narici palpitanti, quella luce negli occhi, tutto ciò proclama a gran voce la vita in tutto quel che ha di più misterioso. Con lei si lasciava il mondo delle false apparenze per raggiunger quello del pensiero. Che genio! Il termine non è eccessivo. Come ha potuto privarci di tanta bellezza?

 

Il genio di Camille, a 75 anni dalla morte, è finalmente in mostra in un museo a lei dedicato.

Musée Camille Claudel

Bali Kites Festival 2017
Da luglio a ottobre, il tradizionale festival degli aquiloni sulle spiagge di Bali

Il Festival nasce da riti stagionali di ringraziamento per i raccolti, ma ormai da 38 anni è diventato uno dei principali eventi dell’isola, e una gara tra gruppi di giovani impegnati nella costruzione di aquiloni sempre più belli e complessi.

Il Festival si svolge in varie date e .....

  continua

...in molte diverse località, ma gli eventi principali si svolgono a Padanggalak, a nord di Sanur.
Il calendario dipende ovviamente dalla situazione del tempo e dei venti, ma gli appuntamenti sono molti, da luglio a ottobre. E le gare sono spesso accompagnate da musica dal vivo, con le tradizionali orchestre gamelan.

A Bali con ClupViaggi
 

 

 

Stonehenge, con il CHC, Cultural Heritage Center
Le nuove scoperte sul sito archeologico, a Triwù, la web TV dell’innovazione

Triwù ha partecipato al convegno organizzato dal Cultural Heritage Center (CHC) del Politecnico di Milano, dove sono state presentati nuovi  studi su Stonehenge, realizzati con tecnologie avanzate:  le rovine di questo luogo in Gran Bretagna – isolato in .....

  continua

...una grande radura verde e da sempre ammirato per la sua suggestiva unicità – facevano parte di un vasto insediamento architettonico dedicato a rituali diversi e, per il momento, ancora di difficile interpretazione.
Il reportage affronta anche il tema delle cosiddette rocce blu, con le quali è stato costruito il sito. Si è stabilito che esse provengano da una cava nel Galles, distante 200 km.
E poi le connessioni fra Stonehenge e gli allineamenti astronomici: una ipotesi è che  la struttura che da sempre conosciamo si presenti in linea con il Sole del Solstizio d’inverno. Ma ci sono atri aspetti da considerare.  
Il reportage completo su Triwù
E per andare a vedere Stonehenge, la proposta di ClupViaggi, per il viaggio Londra & Cornovaglia
 

Vietnam, Tet Doan Ngo
Per la festa del solstizio, la notte si accende di luci e la tavola di sapori

Cade nel quinto giorno della quinta luna, tra maggio e giugno, ed è la festa del Solstizio d'estate. Nelle città e nei villaggi la notte si accende con luci e falò, per scacciare malattie, epidemie, sfortuna, portate dagli spiriti maligni. In molti luoghi, come vuole la tradizione, si b.....

  continua

...ruciano fantocci di paglia e cartapesta, che dall’aldilà aiuteranno a dare serenità e fortuna alle persone.
I riti propiziatori  - collettivi o privati – salutano l’arrivo della nuova stagione, per la quale si invocano destini favorevoli.  Nelle case si preparano cibi speciali di buon augurio, rigeneranti e "detox".

In Vietnam con ClupViaggi
 

 

Ritorno in Myanmar
Il racconto di una giornalista italiana, andata in Birmania vent’anni fa

Il viaggio, che parte da Yangon e termina a Yangon, tocca Mandalay, Bagan, Lago Inle, il Triangolo d’oro con Kengtung e le etnie della montagna a nord del paese.
A rendere unico il viaggio sono i percorsi in auto che hanno permesso di conoscere il territorio e i tre giorni passati .....

  continua

...a Kengtun, nello stato degli Shan, un tempo regno delle coltivazioni di oppio, abitate da etnie raggiungibili solo a piedi.

Continua a leggere l’articolo di Silvana, giornalista freelance del blog Dal verde al rosa
In Myanmar con ClupViaggi
 

Viaggi e arte
Per gli amici di ClupViaggi, riprendono le visite guidate ai luoghi d’arte

Leonardo Da Vinci e Michelangelo, la Cappella Portinari e la Cappella di Teodolinda, Milano e Monza: riprendono anche quest'anno le visite guidate ai luoghi d'arte, dopo il successo del 2016.

 

18 marzo 2017-Sant’Eustorgio, Cappella Portinari e San Lorenzo, a Milan.....

  continua

...o
Visita alle due chiese del corso di Porta Ticinese a Milano: Sant’Eustorgio,  fondata in epoca paleocristiana ma ricostruita in epoca romanica, con la Cappella Portinari affrescata da Vincenzo Foppa nella seconda metà del Quattrocento; San Lorenzo, un edificio a pianta centrale sempre di epoca paleocristiana e i suoi  mosaici.


20 maggio 2017 - Cappella di Teodolinda, a Monza
La cappella di Teodolinda si trova nel duomo di Monza, a sinistra dell'abside centrale. In un'apposita teca nell'altare è conservata la corona ferrea, la corona degli imperatori. La cappella è decorata con il ciclo di affreschi degli Zavattari, famiglia di pittori con bottega a Milano, il maggior esempio di ciclo pittorico dell'epoca tardo gotica lombarda.


10 giugno 2017- Il Cenacolo e S. Maria delle Grazie, a Milano
La basilica è punto di riferimento obbligatorio dell'architettura milanese, legata al nome di Leonardo da Vinci e a Donato Bramante. Nel refettorio dell'antico convento domenicano è possibile ammirare “L’Ultima Cena”, iniziata nel 1495 e terminata nel 1498.    (data da confermare)


7 ottobre 2017  - Castello Sforzesco, Pietà Rondanini e Strada Segreta, a Milano
La strada coperta e le sue diramazioni, collocate nella parete esterna (controscarpa) del fossato intorno al Castello, servivano per lo spostamento dei soldati dalla fortezza alla Ghirlanda. Questa strada, restaurata e attualmente percorribile nel tratto sopravvissuto alle demolizioni di fine Ottocento, fu realizzata in mattoni, con un soffitto voltato alto 2.80 metri, ed è illuminata da un centinaio di finestrelle affacciate sul fossato, dalle quali potevano sparare i tiratori scelti. Il Museo della Pietà Rondanini, allestito nell’Ospedale Spagnolo del Castello Sforzesco è stato aperto nel 2015, per dare una migliore collocazione  al capolavoro e ultima opera di Michelangelo Buonarroti. (data da confermare)

Info: in agenzia

 

Da Zurbarán a Rothko
Viaggi nel tempo e nello spazio, a Parigi, dal 3 marzo, con la collezione di Alicia Koplowitz

 

Il Museo Jacquemart - André si trova nel cuore della Parigi haussmaniana, nell'ottavo arrondissement, e ospita la collezione d'arte riunita, tra 1864 e 1912, dai coniugi Edouard André e Nélie Jacquemart.
Sono opere straordina.....

  continua

...rie, molte delle quali di pittori italiani, distribuite nelle sale di una villa che ha mantenuto gli arredi originali, essi stessi di grande pregio artistico. Il museo fu aperto nel 1913.

Questo esempio di mecenatismo e di interesse verso le espressioni artistiche internazionali si collega idealmente alla mostra che aprirà il 3 marzo, dedicata alla collezione privata di Alicia Koplowitz, imprenditrice spagnola, presidente del Gruppo Omega Capital, una delle donne più ricche del mondo.
Tra gli interessi della Fondazione che porta il suo nome, oltre alla ricerca medico scientifica e l'impegno sociale, anche l'arte. In mostra a Parigi 53 opere, di Zurbarán, Tiepolo, Canaletto, Guardi e Goya, disegni e sculture di Toulouse-Lautrec, Gauguin, Van Gogh, Picasso, Van Dongen, Modigliani, Schiele, de Staël, Freud, Rothko e Barceló, Giacometti, Bourgeois e Richier: il filo conduttore è il ritratto femminile, ritrovato in epoche, stili, tecniche differenti, seguendo il gusto e le scelte Alicia Koplowitz. La mostra è aperta sino al 10 luglio 2017.

Musée Jacquemart-André
158, boulevard Haussmann - 75008 PARIS
 

 

Chettinad e l'India del Sud
Storia, arte, cultura, tradizioni dei Chettiars

Il Chettinad è la terra dei Chettiars, mercanti che qui costruirono nei secoli le loro splendide case.
Durante l'XI° e il XII° secolo, i Chettiars seguirono le rotte marittime commerciando sale, seta, spezie, legnami pregiati e gemme preziose e diventarono la classe dirigente mercantil.....

  continua

...e dell'India del Sud. Di questo glorioso passato restano le Nattukottais, letteralmente Fortezze terriere, molte delle quali sono aperte ai visitatori, mentre altre sono state trasformate in hotel.
La tradizione artigianale del Chettinad è molto interessante: la lavorazione del legno e del ferro si ritrova nei portali imponenti e nelle colonne, l'arte orafa è raffinata, le tessiture locali stupiscono per la lavorazione e la varietà delle tinture, sculture e decorazioni sono la sintesi di influenze culturali e artigianali orientali e occidentali.
In questi luoghi l’ospitalità è un’arte e la cucina utilizza spezie rare per reinterpretare vecchie ricette tradizionali in chiave moderna, per stupire e soddisfare i viaggiatori esigenti e curiosi.
Fuori dai percorsi più frequentati, il Chettinad mostra un volto dell’India ricco di storia, arte, cultura, tradizioni.
L’India del Sud con Clup Viaggi